header
Predazzo

Predazzo, una perla in val di Fiemme

Informazioni: A.P.T. Valle di Fiemme, Via Cesare Battisti, 4 - 38037 Predazzo - Tel: 0462 501237
Altitudine: 1018 metri
Abitanti: 4437

Il celeste dei torrenti Avisio e Travignolo, la vegetazione dei pascoli della valle e l'autorevole massa opaca della catena dei Lagorai sono i colori di Predazzo insieme al gioco attraente delle vette rosate del Latemar dolomitico.

Da vedere

Sulla piazza maggiore del paese stacca l’ampio chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, edificata durante la seconda metà dell'800 in stile neogotico, con il campanile nel mezzo della facciata. L'interno è a tre navate e sostenuto da pilastri ottagonali custodisce il dipinto di San Giorgio di Cristoforo Unterberger.

Museo civico di Geologia ed Etnologia
In piazza Santi Filippo e Giacomo si trova il Museo Civico di Geologia ed Etnologia, attivo dal 1899, conserva assortimenti di campioni geologici di origine locale volte a sviluppare e sostenere la comprensione della caratteristica ricchezza geologico-mineralogico della val di Fiemme e delle Dolomiti.
Con questi minerali sono esposti anche materiali paleontologici: orme di rettili e anfibi, una lastra con le impronte di 33 pesci risalenti a 270 milioni di anni fa e la raccolta di più di 8000 esemplari di fossili invertebrati.
Sono inoltre stati organizzati percorsi geologici di speciale interesse, tra cui il cammino ad anello del doss Capèl (2264 m), raggiungibile in seggiovia, i percorsi della Malgola, dei monti Monzoni e delle miniere della Bedovina.

Turismo

Lo sport in estate e in inverno
Dal punto di vista turistico, Predazzo è un ragguardevole centro di sport invernale.
Il comprensorio sciistico di cui è parte, l’Obereggen (Dolomiti Superski), comprende l’alpe di Pampeago e il versante del Latemar.
Gli appassionati dello sci di fondo trovano anelli al passo di Lavazè, al lago di Tesero e sull’altopiano di Bellamonte.

In estate una vasto intreccio di percorsi consente di fare escursioni nella foresta di Paneveggio e al lago di Forte Buso.

Dalla prossimo paese di Forno, si imbocca la Valsorda e, transitando attraverso l’affascinante frazione di Medil, si arriva sotto le torri del Latemar, da dove parte la ferrata dei Campanili. Sul monte Feudo, si perviene al rifugio Torre di Pisa.

Dove dormire

Puoi prenotare le tue vacanze in un hotel a Predazzo.

Immagini di Predazzo

Guarda le fotografie di Predazzo su flickr.com.